Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x

La pianificazione della continuità operativa può essere l'elemento che determina la vita o la morte di un'azienda.

Oggi, circa il 65% delle aziende non potrebbe rimanere in attività se dovessero essere chiuse per una settimana o più. Si stima che meno del 5% delle aziende sono veramente preparati a sopportare e sopravvivere a un disastro. Questi numeri sono migliorati dal 9/11/2001, il che ha portato molte aziende a prendere più sul serio la continuità aziendale e il disaster recovery.

Leggi tutto: La Business Continuity: elemento decisivo per l'operatività aziendale

Il proprietario del locale o struttura aperta al pubblico, essendo il “custode” dell’ambiente, sia esso un negozio, un ristorante, una clinica, un hotel etc. in linea generale, risponde di tutti i danni procurati a terzi dai beni posti sotto la propria vigilanza.

Leggi tutto: La valutazione del rischio per la tutela del cliente nei luoghi aperti al pubblico

Con un lettera circolare 12 ottobre 2017, n. 3 l'Ispettorato Nazionale del Lavoro ha indicato agli ispettori territoriali quali sanzioni applicare. 

Leggi tutto: Circolare su "omessa sorveglianza sanitaria dei lavoratori"

Molte volte mi si domanda in quali occasioni ed a che condizioni l'INAIL riconosce o meno un infotunio sul lavoro. Sottoriporto una buona sintesi:

Leggi tutto: INAIL: infortunio sul lavoro! Facciamo un ripasso!

Il Decreto Legislativo 81/08 ha fissato i requisiti minimi per la protezione dei lavoratori contro i Rischi per la salute e la sicurezza derivante dall’esposizione ai Campi Elettromagnetici (da 0 Hz a 300 GHz) durante il lavoro. Le disposizioni del D.Lgs. riguardano la protezione dai rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori dovuti agli effetti nocivi a breve termine conosciuti nel corpo umano derivanti dalla circolazione di correnti indotte e dall'assorbimento di energia, nonché da correnti di contatto, ma non disciplinano la protezione da eventuali effetti a lungo termine e non riguardano i rischi risultanti dal contatto con i conduttori in tensione.

Dal 1 Luglio 2016 è recepita la Direttiva 2013/35/UE in materia di disposizioni minime di sicurezza e salute relative all’esposizione dei lavoratori ai rischi derivanti dagli agenti fisici.

L'inquinamento elettromagnetico (elettrosmog) in ambito domestico e sui luoghi di lavoro è formato da due componenti fondamentali:

Leggi tutto: Elettrosmog: inquinamento elettromagnetico negli ambienti di lavoro