Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x

Oggi è il giorno del giuramento del neo-presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Chiediamo al nostro presidente Giancarlo Restivo un aiuto a giudicare queste circostanze complesse.

 

Presidente, molti cattolici si sono allietati alla notizia di un Presidente cattolico. Pensa che questo gioverà ad alcune battaglie, soprattutto quelle sui nuovi “diritti civili” che vede la frangia cattolica protagonista?

Ho visto che molti hanno sottolineato questo aspetto del Presidente della Repubblica. Io faccio l’imprenditore e non il politico, posso dire che averlo cattolico mi piace di più che non, ma l’albero si vedrà dai frutti. Certo la storia politica di Mattarella ha i suoi alti e bassi, ma quale non li ha? Non ho visto certo alternative migliori. Posso dire solo che tatticamente Forza Italia ha fatto male a non proporlo come loro candidato prima del Partito Democratico, avrebbero giocato di contropiede e impedito a Renzi di vincere facile.

Matteo Renzi ne esce rafforzato in termini politici da questa elezione? Il fatto che Mattarella fosse il candidato del premier influirà sulla firma per l’italicum?

Di certo il premier ha messo in campo un’ottima strategia compattando le forze che lo sostengono. A volte come con Alfano, è stato necessario usare le maniere forti, ma la sua fermezza gli ha giovato. Con questo l’NCD ha trovato argomenti per fare un esame di coscienza. Però personalmente non mi piacciono le strategie e gli accordi di palazzo, mi sembra che la democrazia vada a farsi benedire in certi momenti ma la realtà è questa e bisogna averci a che fare. Sull’Italicum già Napolitano aveva chiesto di effettuare delle verifiche preventive di costituzionalità e non credo proprio che Mattarella starà lì a guardare. Spero che alla fine si ridia voce agli italiani, con le precedenti leggi elettorali si è fatto un grave affronto alla sovranità popolare.

L’avvento di Mattarella alla Presidenza della Repubblica accelererà i tempi di attuazione delle riforme tanto promosse da Matteo Renzi?Sicurezza sul lavoro ISFM

Andiamoci con calma, Mattarella non sarà certo l’autostrada di Renzi, il Presidente della Repubblica è un uomo tutto d’un pezzo e volto a garanzia della Costituzione, lo ha dimostrato soprattutto con la sua storia personale. Se Napolitano è stato interventista, Mattarella non credo sarà da meno.

Fonte: correreinformazione.it